/ Documentari

Perdutamente

Genere: Documentario
Durata: 76'
Pellicola: T
Nazionalità: Italiana
Data di uscita: 14/02/2022

SINOSSI

Il morbo di Alzheimer è una malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, determinando decadimento fisico e cognitivo, perdita della memoria, della coscienza e della percezione del sé e della realtà.
Paolo Ruffini attraversa l’Italia per intervistare persone affette dalla malattia di Alzheimer e i loro familiari, definiti “seconde vittime” dell’Alzheimer, che si trovano ad affrontare un carico fisico ed emotivo enorme accompagnando i propri cari attraverso il doloroso cammino della malattia.
Dalla malattia di Alzheimer, ad oggi, non è possibile guarire, tuttavia è possibile curarla, nel senso di “prendersi cura” di chi si ama, e l’unica cura possibile è l’amore. Il centro narrativo del documentario non è la malattia, ma le emozioni e i sentimenti che legano i pazienti ai propri cari.
Attraverso le interviste si raccontano diverse storie d’amore, e soprattutto diverse dimensioni dell’amore: quello tra compagni di vita, tra genitori e figli, nonni e nipoti, tra fratelli e sorelle.
In questo viaggio, tra storie e sentimenti, mentre la memoria della realtà viene progressivamente sgretolata dalla malattia, resta invece la memoria emotiva che rappresenta l’unico legame che i pazienti conservano con la vita che li circonda.
“Io non so chi sei, ma so di amarti” 

CAST TECNICO

Regia Paolo Ruffini, Ivana Di Biase
Montaggio Karolina Maciejewska
Musica Claudia Campolongo, Gianluca Sambataro
Produttore Paolo Ruffini, Nicola Nocella, Antonino Moscatt, Angelisa Castronovo
Produzione Vera Film, WellSee, in collaborazione con Fondazione Polli Stoppani, con il contributo di Roberto Cavalli
Distribuzione Luce Cinecittà

CERCA NEL DATABASE

SELEZIONA UN’AREA DI RICERCA
INSERISCI UN TITOLO, REGISTA O ARGOMENTO: